Peter Pan ← Torna ai progetti!

  • In →
  • Laboratori Passati

Laboratorio intensivo dal 23 al 30 agosto 2011

E con la partecipazione di Elisabetta Ghetti

Ospiti dell’Antica locanda di Daone (Trento)

Immersi nel cuore del Parco dell’Adamello Brenta, ospiti in una locanda del ‘600 da poco ristrutturata, una settimana di full immersion teatrale alla scoperta di archetipi e utopie di un classico della letteratura e del teatro: “Peter Pan. Il bambino che non voleva crescere” di James M. Barrie. Il laboratorio, che impegnerà i partecipanti tutti i giorni per l’intera settimana, è indirizzato agli attori che desiderano un’opportunità di crescita professionale e di approfondimento delle proprie abilità in campo teatrale. Esso si avvarrà anche di una serie di incontri con Elisabetta Ghetti, ballerina e coreografa, per approfondire ulteriormente il lavoro relativo al gesto e all’espressione corporea come strumento dell’attore.

Perché Peter Pan: Peter Pan come opera corale, metafora stessa del “gioco” del teatro, dove vivono e agiscono personaggi che sono archetipi universali. Primo fra tutti l’archetipo di chi, a prescindere dall’età, ama vivere giocando, di chi ha dentro una “sostanza” non deperibile, non databile, non invecchiabile. Sostanza imprescindibile per l’attore e necessaria perché avvenga qualsiasi atto creativo libero dagli stereotipi e dove nulla sia dato per scontato.

Elisabetta Ghetti: Danzatrice e insegnante di danza contemporanea, ha sviluppato la ricerca universitaria in campo pedagogico unitamente alla disciplina coreutica, occupandosi dell’educazione dell’intelligenza corporea attraverso la danza. La sua formazione spazia dalle tecniche di modern dance alle esperienze più importanti della danza contemporanea e del teatro danza italiano ed europeo.

Sede di corso e soggiorno: L’Antica Locanda di Daone (TN)

Peter Pan
Peter Pan
Peter Pan
Peter Pan
Peter Pan